Ad una bella carriera nell’IT, ho preferito 

fare la mamma a tempo pieno.

Sono laureata in informatica ed il mio ruolo, nella famosa multinazionale americana per cui lavoravo, era quello di coordinare le problematiche tecniche per risolverle nel minor tempo possibile. L’essere una troubleshooter è sempre stata una mia caratteristica, tanto da sentirmi appioppare scherzosamente la battuta di Hervey Keitel in Pulp Fiction di Quentin Tarantino: “Salve, sono Wolf e risolvo problemi” 

Credo fermamente che la saggezza del motto “prevenire è meglio che curare” sia ancor più critica quando si tratta di maternità. E non c’è soddisfazione più grande di sapere di aver contribuito positivamente al lavoro più prezioso ed importante che ci sia:

il crescere un brillante e sensibile essere umano!

 

 

Nell’arco di questi 16 anni ho aiutato centinaia di mamme. Ecco la mia storia se vuoi saperne di più.

La mia storia

Ti racconto un pochino di me. Quando mi sono sposata sapevo che avrei avuto dei figli, ma li vedevo in un futuro non troppo prossimo. Non tanto per consolidare bene prima il mio matrimonio e godermi mio marito, forse anche per questo, ma soprattutto perché non mi sentivo pronta.

Ritenevo la maternità come una grandissima responsabilità e non mi sentivo sufficientemente preparata per tale ruolo.

Inoltre, io amavo tantissimo i cuccioli di ogni genere, soprattutto dei cani, ma non quelli degli esseri umani. Erano gli unici che non destavano in me quello scioglimento che vedevo negli altri. Per me i bimbi iniziavano ad essere interessanti dai 3 anni in su.

Temevo di non avere un gran istinto materno e quindi cercavo attivamente di evitare che la nostra famiglia crescesse. Ero talmente sicura di non aver possibilità di restare incinta che quando lo scoprii, lo ero ormai da oltre 2 mesi.

Fu una notizia sconvolgente... e adesso?

La mia vita stava per cambiare e mi sentivo responsabile di fare del mio meglio per questo nuovo esserino che si affacciava al mondo.

Come tutte le neomamme mi sono concentrata sulla gravidanza e sul parto, non pensando che sarebbe stato saggio prepararsi anche per il periodo del postparto.

Oggi, più di 16 anni dopo quel momento, mi rendo conto di avere tanta esperienza su tanti argomenti e che posso raggrupparla insieme per essere facilmente usufruibile ad una neomamma che desidera esserlo in modo consapevole e sostenibile.

Li avessi avuto ai tempi, la mia vita sarebbe stata molto più semplice. Quindi ho pensato di condividerli con te.

La mia visione

Ho aiutato tantissime mamme.

Di persona, per telefono, via mail, ma mi rendo conto che ad aver avuto a disposizione qualche giorno per sostenere la mamma a trovare le proprie risorse, spiegando e dando visibilità su come risolvere le maggiori difficoltà,  nell'ambiente rilassante di casa mia, avrebbe aiutato a prevenire la maggior parte degli ostacoli che una neomamma si trova ad affrontare

Ho deciso quindi di mettere insieme un programma intensivo per dare degli strumenti che ritengo fondamentali al fine di potenziare una neomamma ad affrontare la più bella avventura che ci sia!